Il pane


Dalla lettura del libro di Pallante e grazie anche agli esperimenti che ha cominciato a fare Maruzzella, mi sono avventurato speranzoso alle ricerca del buon pane fatto in casa. Dopo i primi esperimenti poco incoraggianti, ho iniziato a produrre delle forme di pane che sono di qualità veramente notevole e che mi stanno dando molta soddisfazione. L’odore di pane che cuoce e che si spande per la casa ha delle vibrazioni ancestrali… ma la vera magia è la lievitazione naturale, un processo lento cui i ritmi della vita di oggi ci hanno disabituati. Il lievito madre ha il suo aroma caratteristico (il mio si chiama Madre del Divino Amore… dato che abito nei pressi di quel santuario!). Al palato non mancano soddisfazioni, per non parlare dell’occhio. La digeribilità del pane domestico a lenta lievitazione interamente naturale è altissima, per non parlare del gusto, che è anni luce lontano da qualunque prodotto industriale si possa pensare di comperare e consumare. La conservabilità è sorprendente: arriva quasi come appena sfornato a circa 15 giorni; basta scaldarlo un po’ e le fette riprendono vigore e fragranza, come appena uscite dal forno. Insomma, grandi soddisfazioni, soprattutto quando lo faccio provare agli scettici, che immaginano che si tratti una cosa difficilissima da fare. Certo non è una passeggiata, ma se ci riesco io ci può riuscire chiunque.pane 12pane 1pane 3

pane 4

pane - 2

pane 6

pane 7

pane 8

pane 9

pane 10

pane 11

Tutto comincia dalla pasta acida, ottenuta lasciando esposta all’aria (protetta da un foglio di carta cucina) una mistura di acqua e farina, fin quando non comincia a fare bolle evidenti. Dopo di che si procede con continui rinfreschi a base “riduzione” della massa e aggiunta di nuova acqua e nuova farina. E’ perfetta l’acqua dura del rubinetto, che rende la maglia glutinica del pane molto resistente. Per evitare l’impatto negativo del cloro, farlo evaporare lasciando riposare l’acqua in un contenitore per una notte.

PagnottinePagnottine 2 I primi esperimenti non sono mai molto incoraggianti… ma poi le cose migliorano. Dopo qualche settimana abbondante di esperimenti soddisfacenti, ma non ancora esaltanti, arrivano alcuni risultati di un certo rilievo. La scorsa settimana (ultima di marzo) ho fatto 4 filoncini di forme diverse… ma non ho fatto le foto. Invece, comincio il mese di aprile con una sfornata di pagnottine alle noci e girelle alle olive, questo si un esperimento notevole.

Ma ecco che, in coincidenza con la pasqua appena tiepida di questo 2007, arrivano i primi veri successi. Nelle foto, due forme di pagnottine di farine miste, una che ricorda vagamente una colomba e l’altra è un circolo intrecciato (orami sono un fan!). Ad esse si aggiungono alcuni nuovi esperimenti” grafici: un pane “TAI CHI”, con tutto il suo contorno di forme miste, ottenuto con un impasto di farine bianche con aggiunta di sesamo bianco e sesamo nero (comprati al supermercato cinese di piazza Vittorio… ah! la globalizzazione!) e noci, in cui provo a vedere che succede combinando impasti di diversi colori. Prossimamente, mi cimenterò con impasti colorati con curcuma e paprika… e dedicherò un cuore giallo-rosso a quel romanista inguaribile di mio fratello.

Intrecci 3Intrecci 1Intrecci 2Tao panini al sesamoPane della consolazione

Ogni promessa è debito… e l’ultima foto della serie precedente è il risultato del primo esperimento di impasto colorato con curcuma (giallo oro acceso, che lascia al pane un leggero retrogusto acidulo, molto piacevole con alcuni formaggi) e paprika (arancio… sbiadito, devo trovare un’altra soluzione!). Dedicato alla sconfitta contro il Manchester United per 7 a 1. Grave, ma non tragico!

E questo è il pane siciliano che mi ha insegnato Maruzzella! Peccato che non si possano postare odore e sapore! Certo devo fare ancora un po’ di strada, me penso di aver preso la direzione giusta (l’ultima foto è quella del pane di Maruzzella, dal suo sito)

Pane Siciliano 3Pane Siciliano 2Pane Siciliano 1Pane Siciliano 4Pane Siciliano 5

7 pensieri su “Il pane

  1. veronica

    mi devi spiegare come fa a venirti così bene il pane.. a me viene semrpe una ciofega… solo una volta è venuto bene (forse perché ho usato la farina del mulino marino?).. ma vorrei capire come devo fare….

    Rispondi
  2. stratex Autore articolo

    Allora, fammi una sintesi del procedimento che usi e vediamo dove possono essere i problemi.
    Cerca di specificare almeno: il tipo di farina, il tipo di acqua, il tipo di forno, i tempi di lievitazione, il metodo di conservazione del lievito madre (e del suo rinfresco) o della pasta acida, la quantità di sale che usi, il metodo di impasto… troppo?
    E soprattutto considera che io sono un neofita!

    P.S. ho visto che abiti a Don Bosco… praticamente stiamo a 20 minuti di macchina! Se vuoi ci vediamo così facciamo prima! E magari ti porto un pezzetto della mia magica Madre del Divino Amore! E se vuoi ti aiuto anche per fare le foto dei tuoi piattini!

    Rispondi
  3. Valentina

    Ciao, ho letto su “Cavoletto” il tuo post sul pane… dicevi che potresti inviare del lievito madre….
    davvero puoi????
    ne sarei felicissima….
    Fammi sapere
    Valentina
    ps.complimenti per il tuo pane… è meraviglioso!

    Rispondi
  4. stratex Autore articolo

    Ciao Valentina. Ne ho preparato una discreta quantità in palline disseccate, da riattivare semplicemente aggiungendo 2 cucchiai d’acqua e 4 di farina, rinfrescandolo per 2 o 3 giorni prima di usarlo nell’impasto.
    Se ti occorre e sei a Roma o Pomezia e dintorni ci possiamo mettere d’accordo e te lo porto. Oppure te lo posso spedire per posta. Puoi contattarmi su stratex-chiocciola-katamail.com

    Rispondi
  5. azzurra

    Ciao Guido!!!
    ma sei proprio forte!!!
    Non sapevo facessi anche il pane e così bene ! Una di queste sere organizziamo a casa nostra ( così ti mostriamo le foto del matrimonio dove sei ripreso spesso) e magari mi mostri come posso imparare anch’io, che sono molto maldestra!!
    Non so se ti hanno informato, ma sono incintaaaa!!!!oggi sono in ufficio con una fortissima acidità di stomaco, ma dicono che è lo scotto che bisogna pagare per mettere al mondo un bebè…
    Un abbraccio grande e a presto!!!!

    Azzurra

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...